Ebbè…

Sto qui seduto a guardare grafici di occupazione e schemi riassuntivi di tariffe e consuntivi e a parlare con dei dementi che mercanteggiano su ogni Euro del prezzo. E penso che c’è gente che è riuscita a fare della propria passione il proprio lavoro. E capisco che l’invidia è proprio una brutta, bruttissima bestia.

Annunci

5 Risposte to “Ebbè…”

  1. chiara Says:

    posso capire che una passione diventi lavoro quando fai un lavoro creativo, come il musicista, lo scrittore, o lo sportivo e hai talento.
    ma quando fai il tecnico o l’impiegato e il tuo lavoro è la tua passione, allora per me significa che non hai proprio altri interessi nella vita: lavori per vivere, vivi per lavorare, hai una vita miserabile e non ti invidio, ti compatisco.

  2. Raflesia Says:

    Non sono per niente d’accordo. Ho una cara amica che è commercialista e che adora il suo lavoro (non i suoi colleghi, ma questo è un altro discorso). Non ha per niente una vita miserabile e tutto sommato, fare bilanci e dichiarazioni dei redditi, se piace, non è da meno che scrivere o dipingere. Sta tutto nell’apprezzare quel che si fa.

  3. chiara Says:

    ora che mi ci fai pensare, i commercialisti non fanno testo! pure la michela è entusiasta del suo lavoro! :DDDDDDDDDDDDDD

  4. gattasorniona Says:

    la ragioniera del mio ufficio dice sempre che la ragioneria è creativa. non saprò mai se è sincera o se ci prende tutti in giro…

  5. chiara Says:

    è la contabilità creativa che mi preoccupa…

I commenti sono chiusi.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: