Twilight – Il live blogging.

Si comincia.

La fanatica di Twilight è già stata avvisata. Ride nervosa.

La prima battuta: “Non ho mai pensato molto come sarei morta”. Risate grasse.

Un daino corre e uno lo prende al volo. Si sospetta tentata sodomia invece di nutrizione.

Blue Ray, eh? Vampiri emo in alta definizione.

Il padre di lei è, ovviamente, un poliziotto. Il capo della polizia. Manco a dirlo, eh? La madre sta con un imbecille, dopo la separazione.

Dialogo sui capelli di lei. Kiezloswki puro.

Il licantropo ha lo sguardo di uno i cui genitori sono fratelli. E ha un taglio di capelli osceno.

Il padre si compra l’affetto della figlia con un vecchio pick up  scassato. Forte incredulità del pubblico femminile presente.

Finora non c’è un ragazzo con un’acconciatura maschile. Niente. Le donne sprigionano più testosterone degli uomini.

Uno dei vampiri che è appena entrato nella mensa di liceo dimostra almeno trent’anni, alla faccia del fuori corso.

Entra Robert Pattinson. Si scatena un dibattito molto sentito tra le donne se sia più bello lui o Sawyer in Lost. Lui guarda lei e lei simula un orgasmo, non so perché, ma ammetto che se una lo facesse con me sarebbe carino.

Lui la guarda e comincia ad ansimare. Di più: lui è seduto a 30 cm. da lei e la fissa girato verso la sua direzione, tipo maniaco sessuale.

Gli abitanti del villaggio sono tutti gentili in maniera inquietante. Altro che vampiro. Sono nel Villaggio dei Dannati.

Mi pare evidente che a Belle piace molto il cazzo, ma per ora non trova nessuno che glielo offra.

Ci sono! Kristen Stewart per recitare usa la Magnum di Zoolander!

Le prime schermaglie amorose avvengono intorno a un microscopio di laboratorio. “E’ una fase” “E’ una metafase”. No, dico, se speri di cuccare così…

Dopo di che lui: “Sto cercando di capire come sei. E’ difficile leggerti” e lei: “Ma l’ultima volta avevi gli occhi neri, ora sono castano dorati” e lui: “Sì, sono le lampade al neon”. Sembra un dialogo di The Big Bang Theory.

Il fidanzato della fanatica sta giudicando la recitazione di merda perché dice che quelli sono vampiri e DEVONO essere così, perché non hanno bisogno di sbattere le palpebre e devono costringersi a farlo. Gli vorrei chiedere se ha mai conosciuto un vampiro, vero, ma temo la risposta.

E’ una gara a chi si fa Belle. E lei che continua a fare la Magnum e a ripetere che nella vita c’è molto di più che essere belli belli belli in modo pazzesco.

I ggiovani sono ggiovani. Hanno l’IPod e si consigliano di usare Google. Ci manca solo il video porno ripreso con il cellulare.

Fa presente la Dolce Metà che i dialoghi tra Bella e Edward sono dialoghi tra sordi. Uno dice una cosa e l’altro risponde con qualcosa di completamente diverso. Il teatro dell’assurdo è una storia di Topolino, alla fin fine.

“I Cullen non vengono qui”. “Cosa vuol dire?”. Cazzo vuoi che voglia dire, demente? Che loro, qui, non vengono. Su.

E lei cerca davvero su Google le leggende sui vampiri. Non lo so. Immagino sia un segno dei tempi. E’ come se Sherlock Holmes trovasse indizi su Facebook.

Classica scena delle ragazze che si provano i vestiti per il ballo. Una sembra un paralume rosa con una scollatura da zoccola di Migliarino.

Lei è stupida come non so cosa. “Hanno trovato X, ho appena esaminato il corpo”, “E’ morto?”. No, cazzo, è solo raffreddato, idiota!

La sua deduzione che lui è un vampiro è spiegata con un montaggio di immagini e frasi messe alla cazzo di cane. Come se io capissi che un mio amico è un serial killer facendo zapping sui canali porno.

Scena della rivelazione del fatto che lui è un vampiro. Si mette al sole. E quando lo fa inizia a…no, non brilla…hanno finito i soldi per gli effetti speciali con l’incidente d’auto all’inizio…

“Io sono fatto per uccidere. L’ho già fatto in passato”. Lei: “Non importa”. e Vabbè.

“Io ti volevo uccidere”. Mica solo tu, Edward, mica solo tu.

“Perché mi odiavi, quando ci siamo conosciuti?” “Ti odiavo, perché ti desideravo”. Ci manca solo “specchio riflesso”.

Cioè, ora sono lì stesi sul prato che si guardano e basta. E basta. Non voglio passare per sessuomane, ma un’adolescente con gli ormoni in mossa  e un vampiro che non tromba da cent’anni si starebbero già strappando i vestiti e brandelli di pelle.

“Stavo morendo di spagnola”, è vero che qui stiamo buttando tutto in vacca, ma così mi ci tiri per la manica, eh?

Quello che mi risulta incomprensibile è perché tutti trovino Bella carina. Ha sempre su una faccia da cazzo insopportabile, cambia umore ogni due minuti e ha sempre l’atteggiamento di una che ce l’ha con il mondo (mi suggeriscono “di una con una colica renale”).

Lui le suona il piano. Le fa vedere il paesaggio. La porta sulle spalle. Ma non la bacia. Niente. E’ quasi più gay del video di “Last Christmas” degli Wham.

Ci hanno messo mezz’ora a baciarsi. Lui è un arrizzacazzi.

E poi passano la notte a parlare. Perché lui ha paura di mangiarsela. OK. Ci sta. Ma non a parlare. Guardate un DVD. Un porno, magari…

Arrivano i cattivi, finalmente. Accolti dall’urlo “calci in culo, finalmente!”.

Non ci sono calci in culo. Si ringhiano in faccia e poi ognuno per la propria strada. I guerrieri della notte è roba sanguinolenta,  in confronto.

Scena di ribellione verso il padre. Scappa di casa. Questo film è in-fi-ni-to.

Il tutto comincia ad attorcigliarsi in maniera confusa tra inseguimenti e inseguiti, con gente che scappe e gente che insegue. Visioni. Una roba atroce e buttata lì. Sembra la soluzione degli indovinelli dell’Enigmista nel Batman degli anni ’70.

Il cattivo tira fuori la solita roba “non faccio del male a qualcuno che ami, se vieni qui a farti accoppare”. E lei ci sta. Faccio outing e dico ai miei cari che gli voglio tanto tanto bene, ma nelle braccia dello psicolabile non mi ci butto.

Lui la vuole riprendere prima di ucciderla. Lo sapevo che ci scappava il video per YouPorn.

Quando lui comincia a farle del male, parte del pubblico femminile ha iniziato a urlare “Picchiala!”. La solidarietà femminile non vive qui.

Il piano per salvare Bella dal veleno è lo stesso di Spaceball per rubare l’aria dal pianeta Druidia. “Succhia! Succhia! Succhia!”.

Le salva la vita e ora si lamenta che lei è in ospedale a causa sua. E’ veramente più figa lui di lei.

Alla fine vanno al ballo insieme. Lui è vestito da elegante-casual. Lei ha il tutore alla gamba rotta. Suona musica ggiovane. C’è ggente che gioca al black jack.  C’è ggente che balla. Loro si danno a un lento. Pagherei oro per sentire  suonare Rita Pavone. Giuro.

“Edward perché mi hai salvata?”. Guarda, tesoro, non ce lo spieghiamo neanche noi.

Vabbè, dai, la morale del film è “Non è un paesino per testosterone”.

Annunci

11 Risposte to “Twilight – Il live blogging.”

  1. SallyBrown Says:

    ARGH! Delirio. Perchè non sono lì? T_T

  2. SallyBrown Says:

    Voglio leggere il commento quando arrivate al punto in cui lui gli spiega perchè non possono stare al sole …
    Voglio sapere esattamente cosa dicono la Sara e la Rita

  3. SallyBrown Says:

    E’ un film introduttivo della serie. Suvvia! 😛

  4. SallyBrown Says:

    COLICA! COLICA!

  5. Arcadia Says:

    😆
    Dico solo questo.

  6. Ripley Says:

    Per ora dico solo questo: Twilight è una cagata pazzesca!!!

  7. SallyBrown Says:

    Sisi, lui è sicuramente più figa di lei. E lei è una cagazazzi mostruosa!

  8. Raflesia Says:

    Serata memorabile. Veramente oltre ogni umana immaginazione. Certo che arrivarci in fondo è stata dura ^^’

  9. thecapricorntm Says:

    Okay, quando vengo li si rifa ^^

  10. Ripley Says:

    Lei una faccia da cazzo spaventosa. Lui un finocchietto penoso.

  11. chiara Says:

    che cosa orribile…. /o_o\

    i film dell’orrore trash anni ’80 avevan più spessore…

I commenti sono chiusi.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: