Eh bè certo…

Maroni: “C’è stata troppa tolleranza con l’immigrazione”.
No, ma infatti. Ci sono mafia e strozzini che prendono a lavorare dei disperati pagandoli 20 Euro per 14 ore di lavoro e la colpa mica è di chi si arricchisce, ma dell’immigrato.
E’ che ogni tanto mi dimentico di vivere in Italia.

Annunci

Tag: , , , ,

8 Risposte to “Eh bè certo…”

  1. chiara Says:

    vero, ma ci sono anche gli immigrati che preferiscono venire qui e cavalcare l’onda della delinquenza e dello spaccio, che se ne fregano delle regole perché tanto non hanno nulla da perdere, e derubano, uccidono persone con macchine rubate senza avere la patente, spacciano, stuprano.
    già, ma mi scordavo che siamo in italia e poverini, questi sono vittime della società…

  2. therealzen Says:

    Chiara, guarda ti stupirà, ma concordo pienamente sul fatto che ci sono immigrati clandestini criminali, violenti e prevaricatori.
    Ma nel caso specifico (in questo, eh? Specifico) si parla di gente che è venuta per trovare lavoro e l’unico che ha trovato è stato quello di raccogliere i pomodori con i quali hanno fatto l’ottimo sugo che ho mangiato oggi, per 14 ore, per una paga da fame, sulla quale devono pure pagare il pizzo. E si sa. Sono anni che se ne parla. Ci sono migliaia di servizi sull’argomento. Ci sono giornalisti che si sono finti immigrati per andare lì in mezzo e vedere come si vive. E non si fa niente. Perché c’è la mafia. Perché ci sono le collusioni. Perché.
    E ora che qualcuno si stanca di essere sfruttato ed esplode – come era inevitabile – la colpa mica è di mafia e collusi. No, no, è colpa del clandestino che è stato trattato come lo schiavo negro alla catena.
    No, in effetti non vedo perché debbano incazzarsi.

  3. chiara Says:

    ecco, in codesti casi hai perfettamente ragione.
    ma ti stupirò ancora di più: io sono a favore dell’immigrazione.
    e spero che arrivi tanta gente onesta, che sia assunta regolarmente, che lavori e sia retribuita equamente. che faccia tanti figli che seguano le loro impronte, lavorando onestamente per gente onesta.
    anche perché -scusa la venalità- saranno loro a pagare la mia pensione, quando (se) mi toccherà, visto che noi non facciamo più figli.
    peccato che mi scontri con una realtà (la mia per prima: Prato) dove l’illegalità la fa da padrona.
    qui ad esempio la comunità cinese è chiusa, la mafia cinese tratta la gente come schiavi, questi vivono in soppalchi nel luogo stesso di lavoro, dove si ritagliano loculi. il tutto alla luce solo dei neon, perché si sa: dalle finestre potrebbero vederti, quindi quelle sono oscurate.
    la gdf, polizia carabinieri ed esercito cercano di fare irruzione, ma ci vogliono mandati dei giudici e nel tempo in cui un giudice fa un mandato, quell’azienda non esiste più.
    ogni azieda ha una vita media pari a 18 mesi: il tempo di fare una dichiarazione iva e subire un accertamento fiscale (che di solito prima di un anno non viene fatto). ma siccome nessuno qui paga l’iva o le tasse, ecco che dopo 18 mesi si chiude e si chiede una nuova partita iva. che nessuno ti può negare, perché ogni nome cinese in italiano si può trascrivere in 21 modi differenti… e si ricomincia da capo.
    dirai che sono i pratesi schiavisti, l’uomo bianco cattivo che li sfrutta, ma alla fine alla gente comune questi hanno fatto più danno che altro (si son comprati strade e quatieri dove il prezzo degli immobili è crollato, così se avevi sudato una vita a risparmiare per comprare casa lì, ora ti vale un terzo); nelle scuole ci sono classi con il 75% di estracomunitari dove i programmi didattici vengono rispettati al 30%, visto che ti trovi bambini che non parlano mezza parola di italiano; e se sei un artigiano che produce la stessa merce cinese, puoi chiudere visto che questi utilizzando schiavi e non pagando nè tasse né contributi, possono vendere lo stesso prodotto a un decimo; o per dirne un’altra la tassa sui rifiuti ci viene continuamente aumentata per compensare i rifiuti illegali lasciati nottetempo per tutta la città da questi laboratori che “non esistono”.
    e quando a prato si sono iniziati i controlli, il console cinese ha tuonato che c’erano ben altri accordi con l’amministrazione politica locale e i cinesi non andavano toccati.
    già, ma dimentico che siamo Italia, anzi: a Prato…

  4. SallyBrown Says:

    io credo che maroni non avesse un caso specifico in mente. la legge italiana è troppo permissiva con gli immigrati (e non solo con loro). un dato di fatto con cui io concordo pienamente.

  5. MikeT Says:

    La legge italiana è troppo permissiva anche con i politici… ops, volevo dire con i mafiosi…
    …scusate, sarà l’ora tarda, ma continuo a sbagliare: sono sempre le stesse persone. ^_^
    Hanno da morì e basta. E sputerò e piscerò sulle loro tombe cantando qualcosa di Tom Waits, quando succederà, perché il mondo senza di loro sarà più bello.

    -MikeT

  6. therealzen Says:

    Chiara, il tuo esempio è giustissimo e schifa pure me.
    Ma la domanda è: nel momento in cui il console cinese salta su e dice che gli accordi erano altri, la domanda da porsi è “quali accordi”? Chi li ha presi? Lì, esattamente come giù in Calabria, c’è stata politica di mezzo. Politica di merda, sicuramente. E allora la colpa degli immigrati è limitata – perché comunque ne hanno anche loro – dal fatto che chi doveva tutelare un’integrazione corretta, se n’è fregato.
    Su un manifesto a Berlino c’era scritto: “Il tuo Cristo è ebreo. La tua democrazia greca. Il tuo caffè brasiliano. La tua vacanza turca. I tuoi numeri arabi. Il tuo alfabeto latino. Solo il tuo vicino è straniero”.
    True story.

  7. chiara Says:

    già. e per tutti quanti vale comunque la politica del N.I.M.B.Y.

    lo so che son vittime, ma qui è una guerra tra poveri.

    gli unici che ci guadagnano sono i soliti che ci governano.

  8. MikeT Says:

    @zen: no no, non se n’è semplicemente fregato: ha proprio voluto fare in modo che l’integrazione non avvenisse.
    Ricordiamo che l’attuale governo è contrario alla società multietnica, tanto per dirne una. E non è che la pseudo-opposizione che dovrebbe contrastarlo abbia poi fatto alcunché al riguardo, eh…
    Haider è morto, e credo debba essere un segno per un po’ tutti quelli che hanno idee simili alle sue.

    -MikeT

I commenti sono chiusi.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: