THAC0

Per molti il nome di Gary Gigax non dice niente.
Per molto, sentire parlare di Dungeons & Dragons equivale ad aprire una finestra su una manica di matti che gioca “con i dadi strani”, che “si parla addosso”, che “è composta da sfigati”.
Per quei fortunati che hanno amato giocare di ruolo, Gigax equivale a un mito e D&D è stato fonte di divertimento illimitato. Non mi metto neanche a spiegare perché, ci vorrebbe troppo tempo e una mentalità aperta. Ma, fidatevi, anche gli elfi e gli gnomi sono stati emozionanti, divertenti, rabbiosi e capaci di darti una carica e un senso di libertà come poche cose.
Magari avete sempre odiato D&D e siete stati appassionati di GiRSA, di Vampiri, di Lex Arcana, di qualsiasi altro sistema – persino di Tunnel & Trolls, poveretti voi. Però se vi siete divertiti con sistemi basati sui dadi percentuali o su secchiate di dadi a dieci facce, lo dovete a Gary.
Che è morto oggi. E, per me, è una botta paragonabile alla scomparsa di Astrid Lindgren, per dire.
Avrei voglia di sedermi intorno a un tavolo e tirare fuori il D&D originale, manuale rosso, drago contro guerriero in copertina. Di fare una bella partita e di raccontare della capitale di Dunklestadt, nel regno di Tristal, e dell’eroica lotta di pochi contro qualcosa di più grande di loro. Ma mi rendo conto che i tempi sono passati e che intorno a me ho pochissima gente che sarebbe capace di farlo. E questo, forse, è triste quanto la morte del signor Gigax, perché indica che sto invecchiando e che con lui è morto un tempo che non tornerà.

Annunci

7 Risposte to “THAC0”

  1. Tie Pilot Says:

    Sottoscrivo tutto,in pieno.Da ex giocatore per 5 anni,sentita la notizia stamattina ho proferito una mezza serie di imprecazioni,davanti a un caffe’ al bar.Quando mi è stato chiesto perche’,e una volta spiegato,mi hanno chiesto “Ma quello che ha fondato il gioco degli sfigati?”
    La mia risposta è stata semplicemente “Se non sapete non parlate.” Sebbene ormai non giochi piu’ da anni,è qualcosa che mi ferisce al cuore.E ancor piu’ vedere come i giovani di oggi siano completamente persi nella loro meschina quotidianità.

  2. capricorn Says:

    Il suono dei dadi che rotola sulla tavola è particolare.

    In quel suono sono concentrati desiderio, paura, speranza, il sottile filo del destino che può spezzarsi da un momento all’altro, la scommessa con la morte che ognuno fa ogni giorno.

    Quel suono e i suoni che seguivano quel suono sono la più mirabile metafora della vita mai scritta.

    Due giorni fa Mastro Gigax ha lanciato il suo ultimo dado e ha fallito il suo tiro salvezza.

    Dopo avermi insegnato tanto, mi ha dato l’ultima perfetta lezione.

    Nulla vive per sempre, neppure i tuoi sogni.

    Riposa in pace maestro, mi mancherai molto

  3. Erebel Says:

    Io non credo si sia perso niente, né dimenticato, né distrutto, con la morte del suo creatore. Se così fosse, il mondo intero sarebbe incacape di progredire e non avrebbe memoria della sua storia.
    Quanto a me, anche io gli devo molto, senza dubbio. Ore di divertimento e risate, di amicizie “fuori dal comune”, di creatività e sogni e voli pindarici. La sua perdita, tuttavia, non mi avvilisce troppo, perché penso abbia contribuito in modo magnifico ad una generazione di persone che non lo dimenticherà, e ne passerà il testimone. Vorrei si dicesse lo stesso di me, quando morirò.
    Come tutte le cose che ci hanno segnato nel profondo, crediamo siano uniche e irripetibili e che quelli prima e dopo di noi non le capiranno mai. Ma non è così. Ci sono tempi, modi ed emozioni per tutti, e in abbandonza. Sta allo spirito di ciascuno intraprendere la propria quest.

  4. Garion Says:

    Mi nascondo nelle ombre…

  5. saigo Says:

    Mi dispiace… Riposa in pace Gary

  6. egalmon Says:

    ancora rimango stupito dalla quantità di fesserie che si dicevano durante le partite. alle volte si arrivava a non riuscire a giocare, ridevi così tanto che ti faceva male lo stomaco. questa era una delle cose belle di D&D.
    io credo che giocare di ruolo sia il passatempo migliore che ci sia e non mi sentirò mai troppo grande per esso.
    Gigax è un genio,punto

  7. Kabuki Says:

    Col primo gruppo di gioco, avevamo una tavola di legno che usavamo come base per far rotolare i dadi, appoggiare le schede e così via.
    Ma venne presto adibita a diario… con sopra appuntate tutte le frasi strampalate che dicevamo durante le sedute.

    Confermo quello che ha detto eglamon… “credo che giocare di ruolo sia il passatempo migliore che ci sia”.

I commenti sono chiusi.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: