C’era una volta il porno…

Sono entrato in contatto il porno come tutti i ragazzi della mia generazione: c’era l’amico che scovava i giornalini del fratello più grande e te li mostrava. Oppure c’era un posto semi nascosto – nel mio caso si trattava del Monte Ortobene – dove si trovavano giornalini abbandonati e i più coraggiosi li sfogliavano (io non ci sono mai riuscito. Erano talmente malridotti che non me la sentivo mica…).
Poi è saltato fuori Colpo Grosso, che non è un porno, ma le ragazze Cin Cin avevano il loro bel perché.
Poi, crescendo, intorno ai sedici anni, il porno ce lo si riusciva a procurare con qualche edicolante compiacente che, in barba alla minore età, ti vendeva qualcosa.
E le videocassette noleggiate e copiate. O che arrivavano tramite amici di amici e legami similari.
La domanda che mi pongo è: ma i ragazzini, oggi, usufruiscono ancora del porno?
Sono quasi certo che non ci siano più i giornalini, i fumetti, i fotoromanzi. Intere collane di Lettere Confidenziali e di Le Ore Mese hanno sicuramente chiuso, perché nessuno le sbircia più come una volta.
Ma allora i ragazzini che si procurano?
Mi rendo conto che Internet sia in (quasi) ogni casa, ma posso immaginare anche la difficoltà per un ragazzino di arrivare al PC di casa e darci sotto, quando non ci sono i genitori. Non foss’altro che esistono i cookies e tutta una serie di fregature che tengono conto del tuo passaggio su certi siti. E la maggior parte dei siti sono a pagamento, inoltre.
Non voglio essere così naif da pensare che ora si usufruisca meno pornografia rispetto ai miei tempi. Ma mi viene strano pensare che, in questo momento, non ci sia un corrispettivo di 14 anni che sbircia in un’edicola vergognandosi perché non ha il coraggio di comprare un film con Moana o un numero di Corna Vissute. Sicuramente Emule e compagnia hanno reso più facile procurarsi porno in sicurezza, ma ha anche tolto il brivido temerario, primo gesto veramente adulto, che ogni ragazzino ha provato, quando ha cercato di procurarsi materiale illegale per il proprio piacere.
Eravamo noi contro il sistema, in fin dei conti. Ora sono capaci tutti.

Annunci

6 Risposte to “C’era una volta il porno…”

  1. capricorn_ tm Says:

    http://www.thehun.com

    Il porno su internet si trova talmente facilmente che il problema non si pone neppure.
    C’è pure un Youtube porno.
    Io il problema l’ho in un altro punto. Se la mia generazione viveva il porno come una trasgressione, qualcosa che doveva essere fatto di nascosto ( ma nascosto da chi? Come se mamma e papà non avessero saputo che cosa c’era nei cassetti sotto la biancheria), i citti di oggi lo vivono come una cornice omnipresente nella loro vita.
    Su Famiglia Cristiana ho visto una pagina di loghi e suonerie e, sicuro come la morte, ci stavano i wallpaper dei tegami.
    Oramai il porno è aldila di ubiquo, diventa invadente 😦

  2. Kabuki Says:

    Discorso che potrebbe essere ulteriormente approfondito ed esaminato.
    Ma, comunque, anche il porno come lo hai introdotto te ha fatto il suo tempo.

    Proprio l’altroieri allo stabilimento dove vado di solito, di sera hanno organizzato una festa per “ragazzini”.
    Nella terrazza ballavano.
    Nella zona delle cabine invece c’era uno strano movimento.

    Due ehm… ragazzine? tegamine? si davano da fare.

    10 euro l’una per 10 minuti di prestazione e preservativo.
    Gratis l’altra, purchè fossi stato preservativo-munito.

    E le tegamin-ragazzine hanno solo 14 anni a testa.
    I clienti (che avevano tra i 14 e i 16 anni) che cosa se ne fanno di giornaletti o VHS (DVD) porno???

  3. capricorn Says:

    @Kabuki
    ………………. Ho quasi paura a chiederti cosa ci facessi a quella festa 😛

  4. therealzen Says:

    Ma soprattutto: perché non ci hai invitato? 😀

    Zen

  5. Kabuki Says:

    Veramente non c’ero…
    Non sono riuscito a contattare Lilly e farmi dare un bon bon magico per perdere 20 anni d’età (maronna quanti sono…).

    Entrare normalmente mi avrebbe potuto creare seri problemi…

    Ho saputo il tutto in quanto conosco i bagnini del locale…

    Cacchio però… c’era anche la fila con servizio gratuito…

  6. Tie Pilot Says:

    Vabbe’ allora ci accontenteremo dell’indirizzo e di una soffiata per la prossima festa.

I commenti sono chiusi.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: