31 film / 8

La 25a ora (2002. Spike Lee)

C’è una scena per la quale, questo film, è stato osannato a dismisura. E, per la stessa scena, anni dopo è stato criticato, a dismisura.
Norton/Monty è davanti allo specchio e il suo riflesso fa una sparata lunghissima e piena di acredine contro tutta New York. Ci vanno di mezzo tutti: portoghesi, ebrei, neri, bianchi, vecchi, giovani, gay, etero. Alla fine, quando ha espresso tutto il suo odio verso il mondo intero, Monty scuote la testa e si da della testa di cazzo. Perché lo è, indubbiamente.
Quello di Spike Lee non è un film perfetto, ci mancherebbe. Però lo trovo un bellissimo film. E anche quella scena che ora tutti si affrettano a criticare (assieme al dialogo dei due amici di Monty sulla finestra che da su Ground Zero) resta una grande scena. Non tanto per la sequela di insulti del riflesso, ma per la semplice risposta che da Monty a sé stesso e che si richiude in una sola parola: responsabilità. Il film ruota intorno alle responsabilità individuali dei personaggi, a chi è capace di prendersele, a chi no, a chi le addossa ad altri, ma non glielo dice.
Il tutto culmina nella scelta di Monty, nel pugno pieno di sangue alzato di Francis e in un finale estenuantemente lungo, ma toccante, a modo suo.

Annunci

4 Risposte to “31 film / 8”

  1. Raflesia71 Says:

    Dovrò vederlo prima o poi, eh? ^_^”

  2. Cla Says:

    Adoro questo film, apparte perchè Edward Norton è l’uomo della mia vita e mi ispira no poche fantasie, poi la scena”fuck this whole city and everyone in it” è fantastica anche se a me piace piu’ per tutti i vari “vaffanculo” iniziali piuttosto che per quello finale a se stesso =)

  3. Cla Says:

    E i Babyshambles? =)

  4. Mag Says:

    Bello bello si, particolare, ma molto bello.
    E poi oh, c’è Edward Norton ;D

I commenti sono chiusi.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: